Detrazione Fiscale

L’agevolazione fiscale sul risparmio energetico è stata introdotta nell’anno 2007 con l’obiettivo di incentivare il risparmio e migliorare l’efficienza energetica degli edifici esistenti. Essa consiste nella possibilità di portare in detrazione dall’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef) o dall’imposta sul reddito delle società (Ires) il 55% delle spese sostenute, a condizione che dall’intervento realizzato si consegua un determinato risparmio di energia. È previsto un tetto massimo di detrazione che varia da 30mila a 100mila euro a seconda del tipo di intervento effettuato.
Rilevanti risparmi d’imposta, quindi, concessi a favore di chi adotta misure finalizzate al contenimento dei consumi di energia. Tra queste, ricordiamo che la detrazione č riconosciuta per le spese sostenute e documentate per effettuare i seguenti tipi di interventi:

Pagina Validata XHTML 1.0 Transitional dal W3C CSS Valido validazione W3C dei Fogli di Stile a Cascata